Ògne Picca Jòve - Proverbi Termolesi

- Acqua passäte ne macene cchiù.

L'acqua passata non fa più funzionare la macina.

Un'occasione persa, perdere per sempre delle opportunità.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Acque e fuche ne tròvene mä luche.

L'aqua ed il fuoco non trovano mai luogo.

L'acqua ed il fuoco sono pericolosi sempre ed ovunque.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Mittete che chille mèje de tè e faje i spèse.

Mettiti con quelli migliori di te e pagagli le spese.

frequenta individui migliori di te e curali bene.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Fä cchiù maracuele ‘na vótte de vine che ‘na cchjise chiène de sante!

Fa più miracoli una botte di vino che una chiesa piena di santi.

Lo stato d'ebrezza spinge a gesti inconsulti ed inusitati.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Ghé petresille ca nen guaste menèstre.

E' prezzemolo che non guasta minestra.

Individuo onnipresente che comunque non disturba.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Nuvele a tòppe da läne se nen chióve gòie chióve dumäne.

Nuvole a toppe di lana se non piove oggi piove domani.

Similitudine con: "cielo a pecorelle acqua a catinelle".

-------------------------------------------------------------------------------------

- A carne ce spréche e i cäne ci’ arrajene.

La carne si spreca ed i cani sono rabbiosi.


-------------------------------------------------------------------------------------

- Cavalle de caròzze: bbóna gioventü e trista vecchiaje.

Cavalli belli ed eleganti, fanno un gioventù felice ed una triste vecchiaia.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Ce n'é ghé jòte all'acque di carducce.

Se n'è andato all'acqua dei cardi.

Esser messo talmente male in salute, da morire.

-------------------------------------------------------------------------------------

- L'aque e a mòrte stanne arréte a porte.

L'acqua e la morte sono dietro la porta.

Elementi sempre in agguato, più vicini di quanto si creda.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Maria Travèrse quand chiòv addaquä l'urte.

Maria Traversa quando piove annaffia l'orto.

Si dice a chi fa cose contro un senso consueto.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Mo chiü' l'acque da murgétte!

Ora e mai più l'acqua della piccola morgia!

Cosciente e malinconica consapevolezza di cose ormai passate.

------------------------------------------------------------------------------------- 

- Vizie de natura fine 'a morte dure

 Vizio di natura fino alla morte dura.

------------------------------------------------------------------------------------- 

- Chi guarde 'n terre è tradetöre

 Chi guarda a terra è traditore.

------------------------------------------------------------------------------------- 

- Chi nasce tunne 'n po' merì quädre 
Chi nasce tondo non può morir quadro.

------------------------------------------------------------------------------------- 

- Guappe e vine bbune feniscene preste

Guappi e vino buono finiscono presto

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U müle 'a notte ce sonne 'u padrone

Il mulo di notte sogna il suo padrone

-------------------------------------------------------------------------------------

- Passe 'u vove e dice cuernute a l'asene

Passa il bue e dice cornuto all'asino

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi vä cu ciuppe ce 'mpäre a ceppecä

Chi va con lo zoppo impara a zoppicare
-------------------------------------------------------------------------------------

- Pizzich' e bäce nen fan pertuse
Pizzicotti e baci non compromettono la ragazza

'U carvone o coce o tegne

Il carbone o brucia o sporca

-------------------------------------------------------------------------------------

- Cäsa strette femmena 'ngegnose

Casa stretta donna ingegnosa

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A case annasconne 'n' arrobbe

La casa nasconde ma non ruba

------------------------------------------------------------------------------------- 

- Guäje a la cäse andò 'u cappille nce träsce

Guai alla casa in cui non entra il cappello

------------------------------------------------------------------------------------

- Criste mene c'a bbacchette de vammäce

Cristo picchia con la bacchetta d'ovatta

------------------------------------------------------------------------------------

- Chi lasse ' a sträda vecchia p'a nove, sä quille che lasse e nen sä quille che trove

Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia e non sa quel che trova

------------------------------------------------------------------------------------

- 'U guappe nen more a na cäsa su'
Il guappo non muore nella sua casa
------------------------------------------------------------------------------------ 

- 'U sorge che nen tè' cavute more subbete

Il topo che non ha buco(non ha rifugio) muore subito

------------------------------------------------------------------------------------

- Fä 'u passe come è 'a cosse

Fai il passo come è (lunga) la gamba
------------------------------------------------------------------------------------

- 'U munne e tunne chi vä a galle e chi vä a ffunne

Il mondo è tondo chi va a galla e chi a fondo

------------------------------------------------------------------------------------

- Su 'briste fusse bbune ce 'mbrestasse 'a mojje

Se il prestito fosse buono si prestasse la moglie

------------------------------------------------------------------------------------

- Quande 'a femmene vo' 'u deiavele nen cia ppò

Quando la donna vuole il diavolo non ce la fa

------------------------------------------------------------------------------------

- Tè sette spirete come 'a gatte

Ha sette spiriti come il gatto

------------------------------------------------------------------------------------

- Femmene, privete e ciucce, so' tre anemäle cucciute

Donne, preti e asini sono tre animali testardi

------------------------------------------------------------------------------------

Tire cchiù nu pile de femmene che nu paricchie de vuve

Tira più un pelo di donna che una pariglia di buoi

------------------------------------------------------------------------------------

- Dajje e dajje 'a cepolle devente ajje

Dai e dai anche la cipolla diventa aglio

------------------------------------------------------------------------------------

- Quande 'u garzone c'è 'mparäte andò ci 'appicce 'u lume, caccele

Quando il garzone ha imparato dove si accende il lume, caccialo..

------------------------------------------------------------------------------------

- Nu cunte è parlä' de morte, nu cunte è merì'

Un conto è parlar di morte, un conto è morire

------------------------------------------------------------------------------------

- Chi assä' prumette poche mantene

Chi assai promette poco mantiene

------------------------------------------------------------------------------------

- 'N te fedä dell'acqua sode ca t'affuche

Non ti fidar dell'acqua ferma, poiché t'affoghi (affogheresti)

- Chi ci' accuntente gode

Chi si contenta gode

-------------------------------------------------------------------------------------

- N'è tutt'ore quille che luce

Non è tutt'oro quello che luccica

-------------------------------------------------------------------------------------

- Amiche che tutte fedele che nèsciune

Amico con tutti, fedele con nessuno

-------------------------------------------------------------------------------------

- Pe' conosce 'na perzone ci 'a magnä' nu tumule de säle

Per conoscere una persona devi mangiare un tumulo di sale(quindi ci vuole molto tempo perchè il sale è condimento che si usa in piccole quantità)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Meje a resse ricche de carne che de rrobbe

Meglio essere ricco di carne che di proprietà

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi cagne paese cagne fertune

Chi cambia paese cambia fortuna

-------------------------------------------------------------------------------------

- A la vecchiaia cavezette rosce

In vecchiaia calze rosse (i vecchi che fanno colpi di testa come se fossero giovani e pertanto si rendono ridicoli)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U giovene more pe' desgrazie u vicchie pe' forze

Il giovane muore di disgrazia il vecchio per forza (naturalmente)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi rengrazie aesce fore obbleghe

Chi ringrazia non porta obbligo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Fatte 'a legge treväte u 'nganne

fatta la legge trovato l'inganno

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A cocce du cafone ammolle 'a carta bulläte

La testa del cafone rammollisce(perfino) la carta bollata

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U purche quande stä sazie arebalde 'u trucche

Il porco quand'è sazio ribalta il truogolo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Se ti turte fa cause se tì' rraggione accurdete

Se hai torto fai causa, se hai ragione accordati

-------------------------------------------------------------------------------------

- Passäte 'a feste gabbäte 'u sante

Passata la festa gabbato il santo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quando mä' i zinghere a mete

Quando mai (s'è visto) gli zingari mietere

-  'I corn di' ricch'sonn d' fiquor'a'sicchi', i corn di' pover sonn di nöce

Gli adulteri dei ricchi sono di fichi secchi  quelli dei poveri sono gusci di noci.
 Quelli dei ricchi cozzando tra di loro non fanno rumore poiché sono soffici, quindi gli adulteri dei ricchi non si vengono a sapere perchè messi a tacere con il denaro. Gli adulteri dei poveri son gusci di noce che cozzando, fanno rumore e pertanto in paese se ne parla perché nessuno si dà pena di tacitare la cosa.
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A precessione andò esce allä' aretrasce

La processione da dove esce, rientra

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U vove da defenze come fä accuscì penze

Il bue................. come fa così pensa

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'I nuvole 'ì 'ccocchie 'u vinte , i fesse ci 'accocchiene da süle

Le nuvole le unisce il vento e gli stupidi(certi tipi) si uniscono da sè

-------------------------------------------------------------------------------------

- Rotta di vetre 'entrate de monëte

Rottura di vetro, entrano monete..

-------------------------------------------------------------------------------------

' A mojje 'a pijje a la cecäte, ' u cetrone c'a prove

La moglie si prende alla cieca, il melone con la prova

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U prime anne spesäte o 'n galere o 'mmaläte

Il primo anno da sposo,(finisci)o in galera o ammalato

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U l'uteme a saperle è 'u cuernute

L'ultimo a saperlo è il cornuto

-------------------------------------------------------------------------------------

- Nen me' chiäm' ch'llä manucce ch' ghj' nen ce' veng' cun su' peducce
Non mi chiamare con la manina che io non vengo con il piedino (ossia:non invitarmi a gesti, per poi lamentarti che io vengo a corteggiarti)
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U varvire 'narrenne riste

Il barbiere non rende resto

-------------------------------------------------------------------------------------

- Mastre d'ucchie mastre de fenucchie

Mastro d'occhio, mastro di finocchio

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'Mpäre l'arte e mittele da parte

Impara l'arte e mettila da parte

-------------------------------------------------------------------------------------

- Vinne cäre e justa mesure e a quill'ate munne nen të' paure

Vendi caro e aggiusta la misura e a quell'altro mondo non aver paura

-------------------------------------------------------------------------------------

- I penzire fanne i capille gghianche

I pensieri fanno i capelli bianchi

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U päne dell'ate tè' sette crosche

Il pane degli altri ha sette croste

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U purche sicche ce sonne 'a jannele

Il porco magro sogna la ghianda

-------------------------------------------------------------------------------------

- L'acque e 'a morte stanne arrte 'a porte

L'acqua(la pioggia) e la morte sono dietro la porta

-------------------------------------------------------------------------------------

- O te migne 'ssa menestre o te jitte pe' 'ssa fenestre

O mangi questa minestra o ti butti da questa finestra

-------------------------------------------------------------------------------------

- I parinde so' con'i scarpe cchiù sonne strette cchiù fanne mäle

I parenti sono come le scarpe più sono stretti e più fanno male

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi cconge e sconge ne perde mä timpe

Chi fa e disfa non perde mai tempo

- Chiacchiere vo' 'a zite e pu' ci'addorme

La fidanzata vuole chiacchiere e poi si addormenta...

-------------------------------------------------------------------------------------

- Cocce che nen parle ce chiäme checocce

Testa che non parla si chiama zucca

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A lenghe nen tè' l'osse ma rompe l'osse

La lingua (come organo) non ha osso ma le ossa rompe

-------------------------------------------------------------------------------------

- Criste a chi tante e a chi ninte

Cristo a chi(dà) tanto e a chi niente

-------------------------------------------------------------------------------------

- Mazze e panelle fanne i fijje belle, panelle senza mazze fanne i fijje pazze
Botte (castighi) e pane (nutrimento) fanno buoni i figli, pane senza botte li rendono scapestrati
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'I parole so' com'i ceräsce

Le parole sono come le ciliege

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quand'u parente l'à sapute 'u vecine è già currute

Quando il parente lo viene a sapere (di un incidente), il vicino è già corso (in aiuto)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Seminte e fä sule

Semina e fai da solo

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A pacinze è com'u pesciäte, mantè e mantè e pu' scappe

La pazienza è come la pipì si mantiene e si mantiene ma poi scappa

-------------------------------------------------------------------------------------

- Mitt'acque e mitte farine ca recresce 'u sante Martine

Metti acqua e metti farina (fai il pane) che ricresce il San Martino (la salute- il benessere-la provvidenza)

-------------------------------------------------------------------------------------

- A lu chiäre a lu chiäre 'u rutte port'u säne

Al chiaro al chiaro il rotto (il malato) porta il sano

-------------------------------------------------------------------------------------

- Prime i dinte e pu' i parinte

Prima i denti (pensare per il proprio stomaco) e poi i parenti

-------------------------------------------------------------------------------------

- Nen vo' nè garä' nè trescä

Non vuole nè arare nè trescare (operazione agricola)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Genta triste nemenäte e viste

Gente cattiva ( la) si nomina e (subito la) si vede

-------------------------------------------------------------------------------------

- Pasqua marzola fäme e mertole

Pasqua di Marzo porta fame e morti

-------------------------------------------------------------------------------------

- Cinte a pertä'e une a carejä',vence chi careje

Cento (persone) a portare ed uno a trasportare con il carro, vince chi trasporta

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi nen fabbreche e nen marite nen sä che è 'a vite

Chi non fabbrica e non sposa figlia non sa cos'è la vita

-------------------------------------------------------------------------------------

- E' meje 'na brutta matine e no' nu brutte vecine

Meglio è un brutto mattino e non un brutto vicino

-------------------------------------------------------------------------------------

- Andò stä l'acque vä l'at' acque

Dove sta l'acqua già, va altra acqua

-------------------------------------------------------------------------------------

- Curte e malecaväte

Basso e partorito male (l'uomo basso e cattivo)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A rrobbe du carrecchione ci 'a freche 'u sciampagnone

La proprietà dell'avaro se la dissipa lo scialaquone

-------------------------------------------------------------------------------------

- Je manchene diciannove solde pe' fä 'na lire

Gli mancano 19 soldi per avere una lira (praticamente non ha nulla)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A cecäle cante cante e pu' schatte

La cicala canta e canta e poi muore

-------------------------------------------------------------------------------------

- Ogne fatì' spette premie

Ogni fatica merita premio

-------------------------------------------------------------------------------------

- Pär' che st' fatte c'àccett
Sembra che sia stato fatto con l'ascia (ossia persona con lineamenti grossolani)
-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi tè ' a facce ce marite chi no arreste zite

Chi è sfacciata si sposa e chi non lo è resta zita

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U vintune de febbräre notte e jurne vanne päre

Al ventuno di Febbraio la notte ed il giorno sono pari (di durata)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi tè' i solde sempre conte chi tè' 'a mojja belle sempe cante

Chi ha i soldi sempre conta, chi ha la bella moglie sempre canta

-------------------------------------------------------------------------------------

- Alecre Geseppe prime javäme se' mo sime sette

Allegro Giuseppe, andavamo prima (se fossimo andati prima) perché ora siamo settimi(?)

- Setacce nuve ci' appenne au chiuve

Setaccio nuovo si appende al chiodo (e si usa il vecchio ancora)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Si corne fussere frasche 'u munne sarrì' nu bosche

Se le corna fossero frasche il mondo sarebbe tutt'un bosco

-------------------------------------------------------------------------------------

- Sparte palazze ch'arreste cantone

Dividi il palazzo (dividi casa di eredità) che resta un cantuccio
-------------------------------------------------------------------------------------

- Pe' cacciä' nu murte ce vonne quatte, pu' vive vintiquatte

Per tirar fuori una bara bastano quattro persone, per mandar via un invadente ce ne vogliono ventiquattro

-------------------------------------------------------------------------------------

- Pure l'ucchie vo' 'a parta sù'

Pure l'occhio vuole la sua parte
-------------------------------------------------------------------------------------

- Ogni prencipie è dure

Ogni inizio è duro
-------------------------------------------------------------------------------------

- Nce ne vä 'a pelle da gatte se nce ne vä quelle du' cäne

Non se ne va la pelle del gatto se non se ne va quella del cane
-------------------------------------------------------------------------------------

- Munne è stäte e munne è

Mondo è stato e mondo è
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'Na vota pe' d'une nen fä mäle a nesciune

Una volta per uno non fa male a nessuno

-------------------------------------------------------------------------------------

- Mäne de varvire, calecagne de munece, musse de cäne e cule de femmene sò' sempre fridde

Mani di barbiere, calcagni di monaci, muso di cane e sedere di donna sono sempre freddi
Perchè scoperti o a contatto con l'acqua.

-------------------------------------------------------------------------------------

- L'acqua fä feschä', 'u vine fä cantä'

l'acqua fa fresco, il vino fa cantare
-------------------------------------------------------------------------------------

- Mitte 'a lanterne mmäne i cecäte

Metti la lanterna in mano dei ciechi?

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U suvirchie rompe 'u cupirchie

Il soverchio rompe il coperchio (il troppo stroppia)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Meje vine truvede che acqua chiäre

Meglio vino torbido che acqua chiara
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U cchiù canosce 'u mene

Il più conosce il meno
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U pesce puzze da cocce

Il pesce puzza dalla testa
-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi de speranze campe desperäte more

Chi campa di speranza muore disperato.
-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi äle poche aväle

Chi sbadiglia vale poco.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quand'u tavernäre stä 'nnande 'a porte, è segne ca nce stä nesciune

Quando il taverniere sta sulla porta è segno che non c'è nessun cliente (all'interno).

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi tè' a na cäse 'u vine è fesse se vä a na cantine

Chi ha il vino a casa è stupido se va all'osteria.

- Quande 'a vocche magne e 'u cule arrenne me ne freche da purghe e chi 'a venne

Quando si mangia e si digerisce non mi importa della purga e nè di chi la vende
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A morte vo' 'a caggione

La morte (il decedere)vuole la causa

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U mideche pietuse fä 'a chiäca vermenose

Il medico pietoso fa diventare la piaga con i vermi

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A frefa de cuntinue accide l'ome

La febbre continua uccide l'uomo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quand'u mmaläte pizzeche nen more

Quando l'ammalato dà pizzicotti non muore (cioè sta bene se ha la forza di dare fastidio) 
-------------------------------------------------------------------------------------

- Sgrigne com'a gatte de ze' Bellönie

Digrigna come la gatta di zio Bellonio (soprannome)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Vä cache a mä ca te sgrizze l'acque 'n cule

Vai a farla a mare che ti lavi anche

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A fertune du 'mbrelläre e quande chiove fine fine

La fortuna (sfortuna) dell'ombrellaio quando piove fino fino (non si ha bisogno dell'ombrello infatti pur se piove e così nessuno se lo fa aggiustare)
-------------------------------------------------------------------------------------

- Quande tì' i capille te ne friche du' cappille

Quando hai i capelli non ti importa di portare il cappello

-------------------------------------------------------------------------------------

- L'acque de giugne azzeffonne 'u munne

La pioggia di giugno allaga il mondo 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Sammartine ogni muste è fatte vine

A San Martino ogni mosto è divenuto vino

-------------------------------------------------------------------------------------

- Criste fä i meracuele 'n cile, 'u femire i fä 'n terre

Cristo fa i miracoli in cielo, il letame in terra (nel senso che il concime dà vigore al terreno sterile) 
-------------------------------------------------------------------------------------

- L'acque da scenze ogne morre ne fä cente

L'acqua di scienza (il sapere) di una morra (pozza) ne fa cento

-------------------------------------------------------------------------------------

- Acque ai muri e vine ai murature
Acqua ai muri (per rinfrescare) ma vino ai muratori
-------------------------------------------------------------------------------------

- Addemanne au cantenire su vine è bbune

Domanda al cantiniere se il vino è buono (ovvio che dica di si)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A galline fä l'ove e au galle je dole

La gallina fa l'uovo e il gallo sente dolore (paradosso)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quand'a zite c'è spusäte allore aescene j 'nnammuräte

Quando la zitella si è sposata dopo escono altri che si dicono innamorati (altri pretendenti)

-------------------------------------------------------------------------------------

- E' meje gocce a cuntä', no acque a parä

Meglio contar gocce che parare acqua
-------------------------------------------------------------------------------------

- Pide calle e coccia fresche

I piedi devono stare al caldo, ma la testa al fresco
-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi pisce chiäre nen vä da u mideche

Chi orina chiaro non va dal medico (è sano)

Andò ce stä guste nce stä perdenza

Dove si prova il gusto (ossia il piacere) non c'è perdita (dispiacere per la spesa del piacere)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Acque e fuche nen trove luche

Acqua e fuoco non trova luogo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Nen te mette che 'ssa rrazze, lascia corre che bescazze

Non ti metter contro questa razza, lascia perdere i biscazzieri.

-------------------------------------------------------------------------------------

- Carna vaccina sbregogna cucine

Carne di manzo svergogna la tavola (perchè rimpicciolisce con la cottura)
-------------------------------------------------------------------------------------

- Vä' pesciä na pajje ca ne fi' remore

Vai ad orinare sulla paglia che non fai rumore
-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U giudizie cämpe 'a cäse

Il senno fa campare (porta provvidenza) la casa (la famiglia)
-------------------------------------------------------------------------------------

- Mejje nu' triste accorde cä' no na' bona cause
Meglio un accordo ( in cui si perde qualcosa) triste, che non fare una causa (che si presume ) buona

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A vocche è strette ce magne a cäse che tutt'u titte

La bocca stretta mangia la casa con tutto il tetto

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U trist 'u pretegge Criste
Il tristo lo protegge Cristo (ossia è più benevolo con il peccatore incallito)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Pe' ogni vecille 'u nide su è belle

Per ogni uccello è bello il suo nido

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi spute 'cile j'arevä'n bacce

Chi sputa in cielo, (lo sputo) gli torna in faccia

-------------------------------------------------------------------------------------

- Aprile fä 'u fiore e majje tè' l'unore

Aprile fa il fiore e a Maggio va l'onore (il merito)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'Nda famijje ce stä 'u povere 'u ricche e 'u sbreguegnäte

Nella famiglia c'è (può accadere di trovarvi) il povero, il ricco e lo svergognato

-------------------------------------------------------------------------------------

- Acque scorre e sanghe stregne

Acqua scorre ma il sangue stringe (i rapporti di sangue sono stretti)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Viste ceppone che päre barone
Vesti (bene) un malridotto che sembra barone
-------------------------------------------------------------------------------------

- I solde fanne arrapì l'ucchie a' i cecät

I soldi fanno aprire gli occhi ai ciechi

-------------------------------------------------------------------------------------

- Acqua passäte nen macene cchiù muline

Acqua passata non fa più macinare il mulino

-------------------------------------------------------------------------------------

- L'ove che nen ce dä a Pasque nen ce dä cchiù

L'uovo che non si regala a Pasqua non si dà poi più

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A rellavä 'a cocce au ciucce spriche acque e sapone

A lavar la testa all'asino si spreca acqua e sapone
-------------------------------------------------------------------------------------

- Andò zompe a cräpe zompe 'a crapette

Dove salta la capra, salta la capretta (dove va la madre va anche la figlia)

- Ome de vine n'aväle nu carrine

Uomo che è dedito al vino non vale un carretto

-------------------------------------------------------------------------------------

- Fijje de gatte surge acchiappe

Chi è figlio di un gatto acchiappa i topi (ossia fa il gatto)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U lupe cagne 'u pile e no 'u vizie

Il lupo cambia il pelo e non il vizio

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A merde cchiù 'a manije cchiù puzze

Il letame più lo tocchi e più puzza (ossia le misere azioni) 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi vo' retrevä 'a galline, addemmannasse au vecine

Chi vuol ritrovare la sua gallina domandasse al vicino 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quande tì' 'u mäle vecine agavezete preste 'a matine

Quando hai il cattivo vicino, alzati presto la mattina (lo scoprirai mentre ti fa i dispetti)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U besciarde ada tenè bbona memorie

Il bugiardo deve avere buona memoria (altrimenti lo scoprono subito)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi dice 'a veretä merete da resse accise

Chi dice la verità merita di essere ucciso 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi parla annande ne è tradetöre

Chi parla avanti non è traditore

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'Na lena sole nen fä fuche 

Un sol legno non fa fuoco (una sola persona a lavorare non permette abbondanza alla famiglia)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi tè' na pecuera sole ci'a magne 'u lupe

Chi ha una sola pecora gliela mangia il lupo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Pe' fä 'a guerre ce vonne i suldäte

Per fare la guerra ci vogliono i soldati

-------------------------------------------------------------------------------------

- Säle e ojje acconcene ogni tipe di fojje

Sale ed olio condiscono ogni verdura

-------------------------------------------------------------------------------------

- Päne e cuertille nen sazie 'u vedille

Pane e coltello non saziano il budello

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U petresille nen guaste menestre

Il prezzemolo non guasta minestra

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'U sacche vacante nen ce mandette all'impïde

Il sacco vuoto non si mantiene in piedi (occorre mangiare altrimenti si sviene) 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Carna crude e pesce cutte

La carne è possibile mangiarla cruda, ma il pesce solo cotto

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quand'è scarse 'a cene 'u caccaville päghe 'a pene

Quando la cena è scarsa il pentolino paga la pena

 -------------------------------------------------------------------------------------

- Chi fatì' veve l'acque, chi file veve 'u vine

Chi lavora beve l'acqua, chi "fila" beve il vino

-------------------------------------------------------------------------------------

- Vrucchele e predecature dopo Pasque nen servene cchiù

Broccoli e predicatori dopo Pasqua non servono più

- Scherze de mäne scherze de velläne
Scherzi con le mani, scherzi da villano

-------------------------------------------------------------------------------------

- Appena arreväte coppola rosce

Appena arrivato berretto rosso (cioè si fa notare)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Rengrazie Ddì ca ce macine vi' trevanne pure 'a farina fine

Ringrazia Dio che si macina.. Vai cercando anche la farina fine!!!

-------------------------------------------------------------------------------------

- Scarte frusce e pijje premere

Scarto fiori e prendo primiera (al gioco di carte, quando ci si toglie una buona carta e ne arriva un'altra peggiore)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi vo' felä file cu cippe

Chi vuol filare (lavorare la lana) fila anche con un ceppo

-------------------------------------------------------------------------------------

- Au fesäre nen je manchene fuse 'a puttäne nen je manchene scuse

Al fusaio non mancano fusi alle puttane non mancano scuse

-------------------------------------------------------------------------------------

- Puzza merì de sabbete ca te fanne 'a feste demeneche

Possa morir di sabato che ti fanno il funerale domenica (giorno festivo e più solenne) 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Tu pe' mè si' jute

Tu per me sei andato (o su interrotti i rapporti -o su grave malattia)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Magne grazie de Ddì e cache sajjette

Mangia grazia di Dio ed evacuerai saette

-------------------------------------------------------------------------------------

- All'uteme abballäne i fesse

Per ultimi (in fin di serata) ballano gli stupidi

-------------------------------------------------------------------------------------

- Tusce a' mamme ca nen fì' 'u suldäte

Tossisci figlio (a mamma tua) che così non fai il militare

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi tè' 'a vigne tè' 'a tigne

Chi ha la vigna ha la tigna (cioè preoccupazioni)

-------------------------------------------------------------------------------------

- 'A nejje d'abbrile 'u munne arreuine

La nebbia di aprile il mondo rovina

-------------------------------------------------------------------------------------

- All'uteme ce contene 'i pecuere

In ultimo si fa la conta delle pecore (cioè al rientro nell'ovile si conta in base ai capi, cioè i fatti reali) 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Chi sä dice, campe felice

Chi sa parlare vive felice (poiché sa districarsi nella vita) 

-------------------------------------------------------------------------------------

- Ditte pe' ditte checocce fritte

Detto per sentito dire vale zucca fritta (cioè nulla, invitando a non parlare senza prove e fatti)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Meje delore de vorze che delore de core

Meglio dolore di borsa che dolore di cuore (meglio pagare che non far soffrire gli affetti)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Coccia rotte e pena pagäte

Testa rotta, pena pagata (castigo corporale vale pagamento )

-------------------------------------------------------------------------------------

- Quille che piäce 'a vocche despiäce 'a sacchette

Ciò che piace alla bocca (al gusto) dispiace alla tasca (perché caro da comprare)

-------------------------------------------------------------------------------------

- Tra larde e presutte 'u povere päghe tutte

Tra il lardo e il prosciutto il povero paga tutto 

Il povero ci rimette sempre.

Quand'abbajje 'u cäne a file lunghe e segne de tempeste o terramote
Quando il cane abbaia lungamente con ululati lunghi, è segno di tempesta o terremoto in arrivo

-------------------------------------------------------------------------------------

Au cävalle jastemäte je luce 'u pile
Al cavallo bestemmiato luce il pelo
A chi è invidiato, sentenziato, bestemmiato, maledetto, ciò stranamente non fa male, anzi porta bene perchè comunque Dio lo protegge da ciò.

-------------------------------------------------------------------------------------

Cante cante ch' 'nnammuräte è sorde

Canta canta che l'innamorata è sorda(il pretendente che non riceve consenso dalla prescelta)

-------------------------------------------------------------------------------------

'U pulpe ce coce che l'acqua su' stesse

Il polipo si cuoce con la sua stessa acqua(ossia quella che tira fuori dalla cottura
Le persone coriacee vanno lasciate stare che il loro stesso comportamento le ridurrà poi a ragione)

-------------------------------------------------------------------------------------

Ogni cäse tè' nu pince rutte

Ogni casa(tetto) ha una tegola rotta (ossia ogni famiglia ha il suo guaio)

-------------------------------------------------------------------------------------

A Cannelore 'a vernate è sciute fore, aresponne San Biasce 'a vernate mo' trasce

Alla Candelora l'inverno è fuori, ma dice San Biagio (ossia subito dopo) che invece ora l'inverno entra (ossia colpi di coda possibili della brutta stagione)

-------------------------------------------------------------------------------------

Vocca gonde n'arecconde

Bocca unta non racconta (tacitare tramite denaro chi potrebbe fare la spia)

-------------------------------------------------------------------------------------

'U male guvernäte 'u guverne Criste

Del popolo mal governato (dai politici sopravvive perchè ) Dio stesso se ne prende direttamente cura

-------------------------------------------------------------------------------------

Timpe de guerre päne de vecce

In tempo di guerra si mangia pane di veccia (accontentarsi del poco e tentare di sopravvivere)

-------------------------------------------------------------------------------------

Nettäta perze e citile femmene

Notte persa (in bianco) e ( parto con nascita di ) bimbo nato invece femmina
Si riteneva una disgrazia sopra disgrazia.

-------------------------------------------------------------------------------------

Sparagne 'a mojjeme a nu litte e l'ate ci'arrobbene pi' fratte

Risparmio (tengo con cura) mia moglie a letto e gli altri me la rubano per fratte...

-------------------------------------------------------------------------------------

Garbine pesce a' marine

Garbino(soffia un sottovento dello Scirocco cioè il Garbino appunto) si troverà pesce a mare.

-------------------------------------------------------------------------------------

Scerocche: acqua scrocche

(Soffia )Scirocco, acqua a scrosci(molta pioggia).

-------------------------------------------------------------------------------------

Tre jiurne de garbine rijenghie 'nu catene

Tre giorni di garbino, al quarto si riempie il catino (ossia di pioggia abbondante).

-------------------------------------------------------------------------------------

Garbine ceccenäte chijne

Garbino si riempirà l'anfora (per la pioggia si riempie il "ceccenate").

-------------------------------------------------------------------------------------

'U gälle che nen cante 'a giä' cantate

Il gallo che non canta (è perchè..) ha già cantato (invito a farsi guardingo di chi non fa quel che dovrebbe perchè già lo ha fatto di nascosto).
-------------------------------------------------------------------------------------

L'acque fracete i basteminte

L'acqua marcisce i bastimenti (guardarsi dall'acqua e dall'umidità perchè nulla le resiste ed anche guardarsi dalle persone silenziose).
-------------------------------------------------------------------------------------

Nen po' vatte sacche vatte sacchette

Non si può battere il sacco , si batta il sacchetto (non ci si può adirare, vendicarsi, con un pezzo grosso, lo si faccia con quello più piccolo).
-------------------------------------------------------------------------------------

Chi' vò 'u mäle dell'ate 'u su sta rrete 'a porte

Chi vuole il male altrui, il suo(ossia quel che gli tocca) è (già) dietro la porta (ossia gli è così vicino a capitargli come uno che già bussa alla sua porta, ossia già quasi in casa).
-------------------------------------------------------------------------------------

'A perze 'u vuve e va trevanne 'i corne

(Lui) Ha perso il bue e va cercando le corna 

direttamente e per forza attaccata a tutto il resto.  dello  smarrimento, vanno in cerca almeno delle corna del bue stesso, non
comprendendo che la stessa minima parte è  direttamente e per forza attaccata a tutto il resto.